Polpette di quinoa con spezie e verdure di stagione in salsa di peperonata (peperoni con latte di cocco, cardamomo e lime)

Ingredienti

per 4 persone

200 g quinoa tricolore

2 zucchine

2 carote

3 peperoni rossi

1 cipolla bianca

50g latte di cocco

Un lime

Aneto q.b.

Cardamomo q.b.

Noce moscata q.b.

Curcuma q.b.

Sale q.b.

Pepe q.b.

Olio evo q.b.

Procedimento

Cuocere la quinoa in abbondante acqua salata per circa 8/9 minuti. Nel mentre, tagliare a brunoise le zucchine, le carote e un peperone. Cuocere le verdure in padella con un filo d’olio. Una volta cotta la quinoa, scolarla e aggiungere le verdure spadellate. Aggiungere della noce moscata, della curcuma, del sale e del pepe. Una volta raffreddate, creare delle polpettine.
Per la crema di peperoni, tagliare a julienne la cipolla e appassirla in padella con dell’olio. Aggiungere ai peperoni tagliati a cubetti il cardamomo, il succo di mezzo lime e il latte di cocco. Una volta che i peperoni saranno cotti, frullare con l’aiuto di un mixer ad immersione e aggiungere sale e la scorza di lime.
Cuocere le polpette in forno a 200° per circa 7 minuti.
Servirle con la salsa di peperonata e del latte di cocco.

Video tip dello Chef Rugiati

Il commento della nutrizionista

La Quinoa, erroneamente considerata un cereale, non appartiene alla famiglia delle graminacee, ma è uno pseudocereale che produce semi atti ad essere trasformati in sfarinati dall’elevato profilo nutrizionale, ricco di amido e privo di glutine, indicata anche in caso di celiachia. È un alimento gustoso e versatile, largamente utilizzabile in cucina in sostituzione di pasta o riso, perché può accompagnare piatti a base di verdure o legumi. Ricco di fibre e con un basso indice glicemico, la quinoa aiuta a contenere i livelli di zuccheri nel sangue e a tenere sotto controllo la fame. Rispetto alla maggior parte dei cereali, contiene più proteine (ricche in aminoacidi essenziali e ad elevata biodisponibiltà), lipidi, vitamina E, folati, calcio, magnesio e ferro. La quinoa ha un sapore leggermente amaro, non sempre gradito da tutti, ma evidenze indicano che le saponine responsabili hanno effetti positivi sulla salute umana.