Diagnosi, il prima possibile

Come si effettua la diagnosi

A seguito dell’insorgenza dei primi sintomi è fondamentale rivolgersi al medico di fiducia che, verificata la loro gravità, prescriverà gli esami necessari ad accertare la natura degli stessi, inviando allo specialista.
I primi esami che vengono prescritti sono comuni ad altre tipologie di tumore: analisi del sangue ed esami strumentali.1 Tra gli esami strumentali troviamo quelli di radiologia e quelli di medicina nucleare; la prima comprende le radiografie, la TC (tomografia computerizzata) e la risonanza magnetica, che permettono di ottenere immagini dei vari organi del corpo. La medicina nucleare include scintigrafia e PET (tomografia a emissione di positroni) che verificano il funzionamento degli organi.1

Nel caso dei tumori polmonari il primo passo è una radiografia del torace, che rivelerà la presenza o meno di una massa tumorale.1 Non essendo però, questa tecnica, in grado di individuare eventuali masse di piccole dimensioni, si ricorre anche alla TC.1 Questo esame permette di definire la sede esatta del tumore e le sue dimensioni.1 La TC viene effettuata non solo al torace, ma anche a fegato, reni e cervello, gli organi in cui si osservano più spesso le metastasi tumorali, soprattutto di microcitoma.1

Oltre a questi due esami diagnostici, lo specialista può anche prescrivere una PET, tecnica che aiuta a individuare precocemente masse tumorali anche molto piccole e a definirne le esatte dimensioni.1

Per comprendere esattamente la tipologia di tumore e confermare che si tratti di un microcitoma, si effettua un esame citologico (prelevando campioni costituiti da cellule tumorali) o, preferibilmente, istologico (prelevando campioni di tessuto tumorale); tramite l’uso di procedure diagnostiche definite ad hoc dagli specialisti, come, ad esempio, la broncoscopia.1 Alla fine del percorso diagnostico, si arriverà ad avere un quadro chiaro che quella massa è un microcitoma, quanto è esteso, se ha metastatizzato e in che stadio si trova.

Perché è importante che la diagnosi sia tempestiva

Il microcitoma è considerato un tumore aggressivo a causa della velocità con cui aumenta di dimensioni e per l’elevata capacità di metastatizzare a distanza e in tempi brevi.2 In effetti, solo un terzo dei pazienti presenta un microcitoma di dimensioni contenute e non metastatico al momento della diagnosi.2 Inoltre, questo tumore presenta un elevato tasso di recidive, ovvero di ricomparsa della malattia, dopo che vi sia stata un’iniziale risposta alla terapia.2 Arrivare velocemente a una diagnosi potrebbe permettere di intercettare e trattare il tumore a uno stadio più precoce, quando il rischio di recidiva è minore e più ritardato nel tempo.

Quanto è importante lo specialista giusto al momento giusto

Tutto inizia con il medico di medicina generale, a cui ci si rivolge quando si avvertono i primi sintomi che qualcosa non va. Sarà sua cura indirizzare il paziente allo specialista giusto. Data la natura del microcitoma e il suo sviluppo a livello polmonare, diversi specialisti saranno coinvolti nel percorso di diagnosi e cura.3 I primi saranno lo pneumologo, il radiologo e il medico di medicina nucleare, che si occuperanno della diagnosi del microcitoma tramite l’esecuzione degli esami strumentali.3
Sarà poi la volta dell’oncologo e del restante team multidisciplinare, che comprende chirurgo e radioterapista, che strutturano il percorso terapeutico e affiancheranno il paziente per l’intera durata del percorso di cura.3 Il momento chiave dell’intero iter resta però il passaggio dal medico di famiglia allo specialista;
è sua responsabilità comprendere la gravità dei sintomi, prescrivere i primi esami diagnostici e indirizzare il paziente verso la giusta figura professionale.
La tempestività è il fattore chiave nella diagnosi del carcinoma polmonare a piccole cellule e abbreviare i tempi tra sospetto clinico e diagnosi è fondamentale per un avvio rapido delle cure e per avere migliori probabilità di ridurre le dimensioni del tumore e, di conseguenza, aumentare l’aspettativa di vita.

Riferimenti:

  1. Sito web AIOT – AIOTOWN, 3. Percorso diagnostico
  2. Small Cell Lung Cancer: Clinical Practice Guidelines in Oncology
  3. Sito web AIOT – AIOTOWN, 3. Percorso diagnostico – A. Figure mediche e supporto psicologico

SAPERNE DI PIÙ